Tormalina nera purifica l’ambiente elettromagnetico

tormalina nera

Tormalina nera: la pietra che protegge e purifica

 Tormalina nera ,“Essa insegnerà ai suoi seguaci come conservare la propria radiosità anche nelle circostanze più sfavorevoli e come mantenere la consapevolezza spirituale vivendo in città inquinate, circondati da gente inconsapevole. Essa condivide i suoi segreti sul modo per piantare nella mente delle persone semi spirituali destinati a sbocciare in germogli di consapevolezza.”

(K. Raphaell, La luce dei cristalli)

La Tormalina è un minerale primario che si forma nelle plutoniti (le rocce che solidificano più in profondità sotto alla crosta terrestre) e risale poi verso la superficie in un viaggio che può durare anche migliaia di anni. Questa pietra è nota fin dall’antichità e nella tradizione araba veniva ritenuta un simbolo del Sole, in grado di rafforzare il cuore e proteggere dagli incubi, tuttavia è solo a partire dagli anni Ottanta che si sono iniziate a rinvenire grosse quantità di Tormalina, soprattutto nello Sri Lanka, consacrandola come una delle pietre principali a sostegno del risveglio spirituale dell’Era dell’Acquario.

Mineralogia: La tormalina è un minerale primario che si forma nelle plutoniti e, in particolare, nelle pegmantiti, generando grossi e variopinti cristalli, i cui colori sono dovuti ai vari metalli che possono essere presenti all’interno della struttura del cristallo.
A causa dell’eterogeneità della composizione chimica, si hanno sette distinte varietà di tormalina:
Varietà e Colore
Dravite: bruno, giallo, verde, grigio
Elbaite: tutti i colori, anche incolore
Indicolite: blu
Rubellite: rosso, rosa
Verdelite: verde
Tormalina nera: nero
Uvite: da chiaro a marrone scuro
Mitologia: La tormalina era già nota presso gli antichi, pur essendo spesso confusa con altre gemme a causa dei suoi colori. Solo nel XVII secolo, venne definita “simbolo di quella saggezza, che rimane luminosa anche di fronte alle vicissitudini del destino” (Bernardo Caesius). Nella tradizione araba veniva ritenuta un simbolo del sole, in grado di rafforzare il cuore e di proteggere dagli incubi.
Spirito: La tormalina policroma elbaite aiuta a fondere spirito, mente, emozioni e corpo in un’armoniosa unità, dalla quale si sviluppano saggezza e creatività.
L’indicolite rafforza la capacità di pensare in modo autonomo. Promuove, inoltre, la fiducia, il senso morale e l’amore per la verità.
La dravite rafforza l’impegno sociale, spingendo il soggetto ad aiutare gli altri.
La verdelite stimola la gioia di vivere, enfatizzando tutti gli aspetti positivi della vita.
La rubellite rende perseveranti, pur permettendo di rimanere elastici e di conservare la capacità di modificare il proprio comportamento, quando ciò è necessario.
La tormalina nera promuove l’imparzialità ed inspira tranquillità.
La tormalina anguria (verde/rosa insieme sullo stesso cristallo) genera comprensione, amore ed amicizia.

Uno scudo di Luce per proteggere e purificare

A seconda dei metalli inclusi, la Tormalina può assumere svariati colori, mentre la struttura rimane costante. La Tormalina più nota e oggi più diffusa è senza dubbio la varietà di colore nero, anche chiamata Sciorlo, da Zschorlau, il nome di un paese in Sassonia nelle cui miniere di alluminio, nel Medioevo, si rinveniva spesso anche questa varietà di Tormalina.

La Tormalina nera è un pietra di grande potenza ed efficacia, la cui energia ci offre uno scudo contro le fonti di inquinamento sia fisiche che eteriche, fornendoci al tempo stesso un sostegno per purificarci dalle tossine e per rinforzare il nostro campo aurico.

Aspetto e proprietà

tormalina nera

La Tormalina si presenta proprio come un Sole nero: lucente, compatta, venata da sottili striature che incanalano l’energia. Se riscaldata o sottoposta a pressione, laTormalina si magnetizza, attirando a sé altri metalli (da questa proprietà deriva il suo nome cingalese turamali, che significa “pietra che attira la cenere”).

Ciò che però la rende unica, è la sua capacità di attirare a sé le energie negative senza assorbirle, ma trasmutandole, cambiando loro la carica da negativa in positiva restituendole all’ambiente purificate.

Questa caratteristica la rende uno degli “ingredienti” fondamentali dell’orgonite, un dispositivo utile per pulire ed energizzare le energie degli ambienti inquinati.

La tormalina per i campi elettromagnetici ed i “campi emotivi”

La Tormalina funziona come una sorta di catalizzatore e può proteggerci efficacemente dai campi elettromagnetici: sistemare un pezzo di questo cristallovicino al computer, al modem, o a qualunque altra fonte di inquinamento, farà in modo che il campo elettromagnetico degli apparecchi venga “risucchiato” dalla pietra e restituito all’ambiente sotto forma di energia pulita.

L’operazione svolta dalla Tormalina è un po’ quello che tutti noi dovremmo imparare a fare con le energie che ci circondano: non assorbirle e lasciare che queste ci contaminino, ma trasformarle, cambiare il loro segno da negativo in positivo e lasciare che l’energia continui a fluire. Dopotutto, rabbia e odio non sono altro che forme di energia molto intensa caricata negativamente. L’odio richiede moltissima energia per essere esercitato! Se noi riuscissimo a cambiare il segno di quest’energia, liberandola dai sentimenti oppressivi, potremmo avere accesso a un’enorme riserva di forza che prima era bloccata.

Indossata, la Tormalina ci protegge come uno scudo dalle influenze negativedell’ambiente che ci circonda così come da quelle che si formano dentro di noi. E’ utile per scaricare rabbia, collera e sentimenti negativi. Posta sotto il cuscino durante la notte, aiuta ad alleggerire la nostra mente dai pensieri che l’affollano, procurando sogni più sereni.

La pietra che purifica

L’elisir di gemma ottenuto da questa pietra è utilissimo nei lavori di purificazione fisica ed energetica, aiutando i nostri corpi a lasciar andare le tossine che li inquinano. E’ possibile combinare la sua azione, per esempio, con quella dell’essenza floreale di Bach Crab Apple, anch’essa grande purificatrice, per aumentarne l’efficacia.

In cristalloterapia, essendo una pietra legata soprattutto al primo chakra (Muladhara, il chakra della radice), è impiegata per favorire il radicamento, la stabilità, la sicurezza, oltre che per favorire lo scorrere delle energie tra un chakra e l’altro, grazie alla sua capacità di incanalare le forze.

A livello fisico, la Tormalina nera tende ad attenuare gli stati dolorifici e adaumentare il livello energetico dell’organismo. Può essere inoltre utilizzata per prevenire la formazione di cicatrici e per attenuare gli effetti della radioattività.

Quando ricorrere all’aiuto di questa pietra

La Tormalina nera può soccorrerci in tutte le situazioni in cui fonti di inquinamento minacciano l’integrità del nostro campo aurico: ambienti lavorativi stressanti e caotici, esposizione a campi elettromagnetici, tensioni, litigi, aggressività: formando uno scudo di luce intorno a noi, la Tormalina ci dona la forza per trasformare l’energia e per espandere la nostra aura senza paura.

 

 

La sua luce nera ci ricorda il nostro inalienabile diritto a esistere e a esprimerci senza paura, aumentando il nostro radicamento e di conseguenza offrendoci la possibilità di accedere a un più grande flusso energetico. Soltanto quando ci sentiamo al sicuro e ben protetti da chi tende a rubarci energia possiamo arrivare a esprimere pienamente il nostro potere personale, divenendo portatori di Luce.

Seguendo l’esempio della Tormalina, e ricorrendo al suo aiuto, cerchiamo anche noi di diventare catalizzatori che trasmutano le energie negative in energie positive e di contrastare l’odio non opponendoci a esso con forza uguale e contraria, ma elevando le nostre vibrazioni su un livello più alto. Anche il nero più perfetto, ci insegna la Tormalina, può sprigionare una luce perfettamente pura.

Giorgia Rossi

Fonte:http://www.benesserecorpomente.it/tormalina-nera-la-pietra-che-protegge-e-purifica/



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail