Federico Clapis su newliferadio

federico clapis

Federico Clapis Intervistato da Dario Nencini

Abbiamo incontrato Federico Clapis a milano e abbiamo subito approfittato per fargli un paio di domande fuori dalle solite legate al cinema, a youtube e alle sue performance.

Ascoltate cosa è venuto fuori 🙂

federico clapis

Ma chi è Federico Clapis?

Per chi non lo sapesse, Federico Clapis è un ex youtuber che, per 5 anni, ha realizzato video divertenti e “leggeri”, spesso dalle noti demenziali, raggiungendo milioni di visualizzazioni e decine di migliaia di follower. Tra i format più recenti, Behind a Selfie è sicuramente il più riuscito. La verità, però, è che l’attività di entertainment messa in opera da Clapis altro non è stata che una tattica per raggiungere la visibilità e il pubblico ideale a rivelare la sua vera identità: quella di artista contemporaneo. Possiamo considerarlo il primo outing artistico della storia, una mossa calcolata e ragionata, un progetto a lungo termine che ha portato Clapis a lavorare come artista «sotto copertura», ora apprezzato a livello internazionale.

Federico Clapis (4 aprile 1987, Milano ) è un pittore, autore e performer italiano.

Celebre nel suo paese grazie ad una singolare strategia volta a promuovere le sue opere d’arte.
Per cinque anni lavora “sotto copertura” producendo video comici virali, accumulando milioni di fan e visualizzazioni.

Nel settembre 2015, all’apice della sua popolarità, al seguito di un film al cinema come autore e protagonista, annuncia il suo addio alle scene dell’intrattenimento e trasforma la sua potenza online in uno strumento di diffusione dei suoi lavori su tela fino ad allora tenuti nascosti.

La sua vera natura si rivela e cresce ancor di più l’apprezzamento del pubblico digitale che lo rende ad oggi nel panorama internazionale, tra gli artisti più influenti sui social network.

“Actor on Canvas” è il nome della sua ultima serie, dove le sue tecniche di accumulazione si coadiuvano con le più alte tecnologie permettendogli, attraverso delle scansioni e stampe 3d, di raffigurasi a 360°all’interno dei suoi stessi quadri ed interpretare lui stesso quelle immagine poetiche dal design minimale che sempre lo hanno caratterizzato.



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
This entry was posted in . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *