Fusione nucleare: dall’Europa 250mln di Euro per finanziare la sperimentazione sull’energia pulita e illimitata di ENEA

fusione nucleare

Un piano di ricerca nel campo dell’energia nucleare pulita senza emissioni di carbonio e praticamente illimitata, grazie a un progetto sostenuto dalla Banca europea per gli investimenti nel quadro del piano Juncker, per un valore complessivo di 250 milioni di euro. L’idea è quella di replicare sulla Terra i meccanismi dell’energia delle stelle e del Sole per garantire sul nostro pianeta una fonte energetica pulita, rinnovabile, sicura e inesauribile.

“La ricerca sulla fusione nucleare, il processo per produrre energia rinnovabile, sicura, pulita, e inesauribile è una sfida nella direzione della sostenibilità e dell’innovazione che vede l’Italia in prima linea con importanti programmi internazionali e, da oggi anche con la cosiddetta ‘DTT’, una macchina sperimentale ideata per rispondere ad alcune delle problematiche più complesse sulla fusione”, spiega il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti.

L’impianto Enea nasce con l’obiettivo di rispondere ad alcune tra le principali criticità scientifiche e tecnologiche nella realizzazione della fusione nucleare e al problema di come controllare l’enorme quantità di calore che viene generata.

La sfida della fusione nucleare per produrre energia sicura e pulita entro il 2050, quindi, è già iniziata grazie anche alla collaborazione con con università e centri di ricerca italiani ed europei.

Content retrieved from: https://www.greenme.it/informarsi/green-economy/fusione-nucleare-enea-2/.



Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.